Volontari Missioni Cottolengo | San Cottolengo
16517
page,page-id-16517,page-template-default,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-5.4,wpb-js-composer js-comp-ver-4.3.4,vc_responsive

San Cottolengo

 

Giuseppe Agostino Benedetto Cottolengo nasce a Bra (CN) il 3 maggio 1786

8 giugno del 1811

Nella cappella del seminario Arcivescovile di Torino viene ordinato sacerdote

6 novembre 1813

E’ nominato vice-curato di Cornegliano d’Alba

14 marzo 1816

Consegue il dottorato in Sacra Teologia

29 maggio 1818

E’ aggregato alla Congregazione dei Preti Teologi del Corpus Domini di Torino

31 ottobre 1818

Diviene canonico della Collegiata della SS Trinità in Torino

2 settembre 1827

Assiste alla morte di Giovanna Maria Gonnet che non è stata accolta negli ospedali di Torino

17 gennaio 1828

Apre a Torino , via Palazzo di Città 13, il “Deposito de’ Poveri infermi del Corpus Domini sotto

la protezione di S Vincenzo de’ Paoli, popolarmente chiamato “Deposito della Provvidenza” o

“della Volta Rossa”.

1830 estate

Dà inizio alle suore della Piccola Casa della Divina Provvidenza, dette poi Vincenzine per

distinguerle dalle altre comunità di suore che fonderà successivamente

19 settembre 1831

Riceve la lettera ministeriale che impone la chiusura del “Deposito della Volta Rossa”.

 

 

4 ottobre 1831

Il “Deposito della Volta Rosa” viene chiuso definitivamente.

Inizia l’assistenza per le fanciulle povere che chiamerà “Orsoline”

27 aprile 1832

Riprende l’opera assistenziale nella zona di Valdocco con la denominazione

“Piccola Casa della Divina Provvidenza sotto gli auspici di S Vincenzo de’ Paoli”

popolarmente detta “Cottolengo”

15 novembre 1832

Muore Madre Marianna Nasi prima superiora delle suore

1833 verso fine anno

Istituisce i Fratelli di San Vincenzo de’ Paoli

6 gennaio 1834

Prima professione ufficiale delle suore

4 luglio 1835

Riceve la medaglia d’oro conferitagli dalla Società Francese “Montyon et Franklin”,

1839 primi mesi dell’anno

Inizia la Congregazione dei Preti della SS. Trinità

1839 dicembre

Istituisce la comunità religiosa laicale maschile “I rosarianti”

10 febbraio 1840

Fonda il Monastero del Suffragio

24 novembre 1840

Fonda a Gassino l’eremo del SS. Rosario

 

 

Febbraio 1841

Fonda il Ritiro della Pietà

Primi mesi del 1841

Fondazione del monastero delle Carmelitane a Cavoretto

30 maggio 1841

Istituisce il seminario dei Tommasini

1° giugno 1841

Inizia a Gassino il monastero di Santa Taide

19 settembre 1841

Istituisce le suore della Divina Pastora

30 aprile 1842

Muore a Chieri (TO) in casa del fratello can.Luigi

16 gennaio 1863

Inizia il processo informativo diocesano per la canonizzazione

10 febbraio 1901

E’ dichiarata l’eroicità delle virtù

8 aprile 1917

Papa Benedetto XV lo dichiara Beato

19 marzo 1934

Papa Pio XI lo proclama Santo

30 aprile Festa Liturgica

 

 

 

_________________________________________

 

Alcuni detti e pensieri del Santo a cura di Don Lino Piano

La Divina Provvidenza ha dovuto fare per la Piccola Casa molti miracoli, ed è pronta a farne ancora degli altri

Lavoriamo, studiamo, affatichiamoci ed anche muoiamo, ma sempre in Domino, in Domino.

Non facciamo economia coi poveri, perchè quanto abbiamo è tutto di essi, e noi medesimi siamo di essi e non di altri.

Per quanti entrano nella Piccola Casa, altrettante pagnotte discendono dal cielo. Una cadun giorno per ciascuno;e non sono io che le fo discendere, è la Divina Provvidenza, la quale si diverte a gittar giù pagnotte su pagnotte.

State certi la Divina Provvidenza non manca.

I poveri abbandonati sono cambiali della Divina Provvidenza : basta presentarle perchè siano pagate.

La Divina Provvidenza protegge in modo speciale tutti quelli che si adoperano per la Piccola Casa, e saranno in modo speciale benedetti da Dio.

State tranquilli e non abbiate paura, noi tutti siamo figli d’un Padre, che più pensa Egli a noi, di quanto noi stessi pensiamo a Lui.

Quando non ci sia assolutamente più nulla, la Divina Provvidenza ci manderà il necessario, e staremo allegri.

Esercitate la carità, ma esercitatela con entusiasmo.

Ricordiamoci che siamo alla presenza di Dio.